Nel Giorno 1 del Modulo 1 dovevi scegliere l’area della vita con la quale inizi a lavorare per prima.

Quali sono gli indicatori che ti faranno capire che l’obiettivo è stato raggiunto?

Esempio:
La donna è insoddisfatta della propria vita sentimentale e cerca un partner.

Come lei capisce che il risultato è stato raggiunto?

Il primo indicatore è esterno – accanto a questa donna ci sarà un uomo.

Ma è ancora più importante è lo stato interiore della donna: che sente la gioia, la soddisfazione, la felicità.

Questo stato interiore di vivere l’obiettivo raggiunto è la cosa più importante, che avere gli indicatori esterni.

Quando noi lavoriamo con il nostro obiettivo, uno dei primi passi da fare è creare questa sensazione interna di pace, soddisfazione di quello che è stato raggiunto, la tranquilla felicità e la sensazione che tutto va per il verso giusto, che hai ottenuto proprio quello che volevi e forse anche meglio.

Compito 1

Creare lo stato interno dell’obiettivo raggiunto. Che cosa senti quando visualizzi il tuo obiettivo già raggiunto?

Vivere nello stato di leggerezza

Questo stato è la base per far sì che il tuo desiderio avverrà.

Da bambini tutti noi avevamo questo stato di leggerezza e la fiducia nel mondo: che andrà tutto bene e che riceveremo ancora tanti regali. Col passare degli anni, le nostre esperienze negative ci anno appesantito come dei sassi. Soprattutto se hai superato i 40 anni, se hai avuto che fare con le bugie, tradimenti, fallimenti, crisi e altre lezioni dure della vita.

Nel nostro training andiamo a lavorare proprio sulla nostra percezione di noi stessi, della nostra realtà e del mondo esterno.

Come interrompere le preoccupazioni e vivere il momento presente

Compito 2

Praticare lo stato QUI ed ORA soprattutto se hai paura del futuro e/o torni spesso nel passato.

Articoli correlati:

LA FORZA DEL RESPIRO NEL GESTIRE LE EMOZIONI. ESERCIZIO MINDFULNESS

LE TECNICHE PER MANTENERE LA CALMA IN SITUAZIONI STRESSANTI

MINDFULNESS: COME RECUPERARE LO SPIRITO POSITIVO NELLE SITUAZIONI STRESSANTI. ALGORITMO IN 3 PASSI