15 principi per liberarsi dalle pressioni


Ecco una lista di principi di base da adottare nella tua vita:

 

1. Individua tutte le fonti che creano pressioni

(quelle che ci sono nel tuo caso specifico)

Rileva le tue emozioni, i tuoi sentimenti e i tuoi pensieri al riguardo.

Separa le tue indignazioni e l'autocommiserazione dai compiti oggettivi che dovranno essere affrontati.

Impara a distinguere quali sono nella tua zona di controllo e quali no. Per capirlo, è molto utile fare freewriting.

Ad esempio, i tuoi 10 chili in eccesso sono fuori della tua zona di controllo al momento.

Puoi cambiare la situazione subito? No. Allora, è inutile perdere tempo con le preoccupazioni.

Quindi, liberati da tutte le preoccupazioni che ne seguono. Invece, in generale, puoi influenzare questa situazione? Col tempo, puoi liberarti dal peso in eccesso?

Sì, se fai delle azioni giuste. In modo chiaro e consapevole aggiungi nel tuo piano ciò che puoi fare (se adesso hai le risorse).

Se non hai le risorse nemmeno per le piccole azioni, rimanda l'obiettivo di 2 mesi.

Così, saprai per certo che te ne occuperai presto, e quindi, puoi smettere di preoccuparti, tutto si risolverà più avanti.

 

2. Valuta cosa potresti non fare, quali azioni evitare.

Questo è uno dei punti più importanti, perché dà un risultato immediato e un sollievo.

Cosa potresti semplicemente ignorare in QUESTO MOMENTO senza avere delle conseguenze?

  • Disdire l’appuntamento con qualcuno?
  • Il figlio saprà fare i compiti da solo?
  • Ottimizzare le spese e non comprare un'altra borsa o un nuovo modello di telefono (e in seguito non provare rimorsi e timori per la mancanza di soldi, rimproveri del marito)?
  • Rinunciare a un corso di formazione a cui stai pensando di iscriverti ormai da due mesi e che a breve non sarà più disponibile? Va bene così, non succederà nulla di grave.
  • Non correre una maratona?
  • Non fare alcune faccende domestiche?
  • Comprare cibo pronto e non cucinare?
  • Affidare qualcosa a tuo marito e fargli fare le cose nel modo suo (sbagliato)?

 

 

3. Elimina quella parte di preoccupazioni che riguarda "cosa dirà la gente?".

Fregartene. Devi capire che la maggior parte delle preoccupazioni deriva da una bassa autostima, dal complesso di superiorità, dal perfezionismo.

Come sviluppare menefreghismo sul giudizio degli altri >>

Cercare di essere "buoni" per tutti è un tema malsano che sottrae tanta energia.

C'è un limite abbastanza sottile tra non indulgere nel proprio egocentrismo e infantilismo e non cercare di piacere a tutti.

Bisogna trovare una via di mezzo. Liberarsi da tutto il superfluo, da ciò che può essere eliminato.

Spesso ci prendiamo un carico eccessivo, che in realtà non serve a nessuno:

  • Vogliamo impressionare gli altri. Ma, in realtà, spesso questo non importa a nessuno (tranne a noi stessi).
  • Prepariamo una tavola troppo chic dove effettivamente possiamo rendere tutto più semplice.
  • Ci coinvolgiamo in attività poco interessanti per non offendere una conoscente.
  • Andiamo a sostenere un'amica a scapito della nostra famiglia, anche se può cavarsela benissimo da sola, o non le importa affatto a chi raccontare (per la centesima volta) del suo amore.
  • Compriamo un regalo costoso, quando possiamo farne a meno.
  • Seguiamo una dieta rigida con sofferenza e irritazione per impressionare tutti all’incontro degli ex compagni di scuola.
  • Facciamo per marito o figli quello che possono tranquillamente fare da soli. E così via.

Impara a fare le cose per TE STESSA!

Per amore di te stessa, non per paura di essere rifiutata o di una valutazione negativa. Inizia a conoscere te stessa, a capire cosa veramente vuoi PER TE.

    Casa pulita — per te.

    Manicure, pedicure — per te.

    Corsa al mattino e/o ginnastica mattutina — per te.

    Hobby, quello che piace a te, anche se tutti credono che sia una stupidaggine.

    Musica — la tua preferita.

    Imparare o non imparare una lingua straniera — per te.

    Viaggiare nella tua terra natale piuttosto che alle Maldive? Nessun problema. Tutto PER TE, mia cara. Se è davvero quello che vuoi.

Impara a pulire la casa per TE STESSA, a prenderti cura della tua famiglia perché lo vuoi fare e nella misura in cui vuoi e serve a te.

Ad esempio, se oggi hai la casa sotto e sopra, allora, fregartene di ciò che pensa la gente. Fai ordine in casa tua PER TE.

Sì, per 29 giorni in questo mese la tua casa era pulita e sistemata, perché l'hai deciso tu.

Il giorno 30 la casa è sottosopra e viene qualcuno. Si arrangia. Non devi agitarti, scusarti e raccontare come era pulita nei 29 giorni precedenti.

L'importante è sapere cosa vuoi nella vita - come e quanto ti piace tutto, dove puoi diminuire le pressioni su di te, rinunciando alle pulizie in favore di una passeggiata con il figlio o il riposo.

Devi sapere cosa conta di più NELLA TUA VITA. Lascia che gli altri si occupino della loro.

L'autostima e il rispetto verso te stessa si basano sulle azioni che sono necessarie e importanti PER TE, non sulla base di "like" sui social e valutazioni degli altri. Impara a dire "NO" dove è possibile dirlo senza troppi danni.

Non metterti sotto pressione solo perché pensi che gli altri si aspettino qualcosa da te. Anche se aspettano veramente, spesso non c'è bisogno di farlo.

Accetta questa paura di essere "cattiva" agli occhi degli altri, la paura di commettere un errore.

Accetta il fatto che una certa negatività da altre persone ci sarà SEMPRE. Ignorale e focalizzati subito sulle cose positive e costruttive.

Focalizzati sulla TUA vita, invece di condurre dialoghi interiori con qualcuno che la pensa diversamente.

Devi capire che stai torturando te stessa con la tua ansia, la tua sospettosità, i tuoi dubbi, guardando gli altri.

Rilassati, accetta te stessa come sei, con tutte le tue imperfezioni, con tutti i tuoi "difetti".

 

4. Prendi consapevolezza delle aspettative della società, separale dalla tua vita.

Quali sono i tuoi desideri? Riesci a distinguerli dai desideri imposti dall'esterno?

Quali desideri degli altri potrebbero essere considerati da te? Quale potrebbe essere il compromesso?

Com'è vista una donna dalla società? Cosa ne pensa tuo marito? Cosa ne pensi tu? Cosa potresti cambiare adesso?

È sufficiente fare quel che ti senti di fare.

Qual è la strada che i tuoi genitori hanno spianato per te e quanto ti rispecchia?

Ti piace la tua vita? La stai costruendo come vorresti? Vuoi davvero vivere in questa città?

Hai veramente bisogno di una macchina? La pelliccia, l'oro e i diamanti sono ciò che vuoi?

Passeggino costoso e alla moda, per il quale hai “mangiato il cervello” a tuo marito e per il quale comunque non ci sono i soldi — è così importante e necessario?

 

5. Non leggere le notizie e non guardare il telegiornale.

Ti paralizzano. Danno un allarme molto tangibile per la vita. Sei sicura di averne bisogno?

 

6. Prendi una decisione.

Esprimi le tue decisioni, pronuncia ad alta voce ciò che ti preoccupa o ti provoca ansia. Hai intenzione di agire? O decidi di rimandare?

Segui le decisioni prese.

 

7. Assumiti la responsabilità delle tue scelte.
 
Ad esempio, hai deciso di dimagrire, e tuo marito porta a casa i dolci.
 
Non mangiarli è nella tua responsabilità, nella tua zona di controllo.
 
Puoi chiedergli di non comprarli, ma se lo fa lo stesso, non è più nella tua zona di controllo.
 
La tua responsabilità è fare qualcosa con le tue abitudini alimentari e con la tua vita.
 
Se decidi di non andare dal parrucchiere perché hai cose più importanti da fare, ti prendi la piena responsabilità di ogni conseguenza.
 
Accetti subito, in anticipo che ti presenterai davanti a qualcuno non così bella come potresti. Lo riconosci e lo lasci andare.
 
Hai fatto la tua scelta. Devi liberarti dalle preoccupazioni e dai rimorsi tipo "E se avessi provato, se mi fossi svegliata alle 4 del mattino, avrei avuto il tempo di fare tutto".
 
Altrimenti, svegliati alle 4 del mattino, ma accetta il fatto che sarai stanca, forse arrabbiata, forse non riuscirai comunque a fare tutto.
 
 
 
8. Rinvia le cose per le quali non hai le risorse.
 
Rinvia alcune questioni per un periodo molto concreto e non pensarci più.
 
Quando arriva l'ora X, torna indietro e rifletti di nuovo su cosa puoi fare al riguardo. Io, ad esempio, ho rinviato più volte lo studio dell'inglese.
 
Volevo corrispondere all'immagine di una donna moderna e di successo. Volevo parlare inglese perfettamente. Volevo dare l’impressione di saper fare tutto con leggerezza e semplicità.
 
Mi sono data da fare per un po'. Soffrivo perché dovevo ritagliare tempo trascurando altre faccende, ma non era abbastanza per ottenere un buon risultato.
 
Dopo aver riflettuto, è diventato chiaro che adesso non mi serve l'inglese, quindi è piuttosto vano e non urgente. In parte, a causa dell'egocentrismo, per sentirmi "speciale".
 
Prima di tutto ho bisogno di trovare le risorse per le priorità riguardo il lavoro, le finanze, la famiglia, l'aspetto fisico, e anche il riposo. È molto più importante.
 
Quando le cose miglioreranno con il lavoro e con le finanze, e quando alcune abitudini diventeranno una normalità, potrò aggiungere qualcos'altro, se avrò voglia di farlo.
 
Così, mi sono detta di mettere questi obiettivi da parte, di non includerli nei piani attuali e di non pensarli affatto.
 
E, ovviamente, di non rimpiangere la decisione presa.
 
 
9. Pianifica le attività che devono essere fatte necessariamente.
 
Dopo aver preso una decisione annota una lista di azioni, decomponi, metti le prime azioni nel piano.
 
È molto importante vedere i primi risultati, percepire che il problema si sta risolvendo, si smuove da un punto fermo.
 
 
 
10. Trova i sistemi in conflitto e cerca di eliminarli o ottimizzali.
 
Ad esempio, vorresti sviluppare l'abitudine di fare ginnastica mattutina, ma non hai mai abbastanza tempo.
 
Ti alzi alle 7 del mattino, vai al lavoro alle 8, e spesso arrivi comunque in ritardo. La sera non hai la forza per fare ginnastica, quindi, l'unica opzione è farla al mattino.
 
Il sistema in conflitto è il tuo ritmo del giorno. Non hai molto tempo al mattino, ti svegli tardi perché vai a dormire tardi.
 
Quindi, dovresti fare qualcosa con il tuo ritmo del sonno: spostarlo di un'ora per poter dormire abbastanza e avere il tempo per fare ginnastica la mattina.
 
Altrimenti, soffrirai per anni e sentirai la pressione su di te per il fatto che non ci riesci.
 
 
 
11. Applica il principio "fai ciò che devi e sarà quel che sarà".
 
Se non puoi evitare di fare una cosa, allora, liberati dal tormento di doverla fare.
 
Non fare pressione su di te con preoccupazioni inutili. Visto che comunque non hai altra scelta.
 
È necessario farlo? Vai e fallo.

 
12. Non ricominciare la vita da zero, dal primo del mese, dal Nuovo anno, dal lunedì.
 
Sentirai ancora più pressione.
 
Sicuramente non funzionerà e ti sentirai peggio.
 
Non tormentarti con questo, non appesantirti di promesse inutili e piani non realizzabili.
 
Puoi creare le nuove connessioni neurali solo se non hai altri impegni, se hai molto tempo e forza.
 
Lavora con 1 nuova abitudine per 1-2 mesi. Meglio ancora, pensa a cosa puoi eliminare per alleggerire la tua risorsa fisica, la risorsa della corteccia prefrontale.
 
 
 
13. Smetti di torturare il tuo corpo.
 
Inserisci più cose utili, elimina gli stimolanti extra (caffè, tè forte), alcol, aggiungi movimenti, attività fisica.
 
Ristabilizza il tuo ritmo sonno-veglia: dormi abbastanza, vai a letto presto.
 
Hai una sola vita. "La maschera di ossigeno si indossa prima su se stessi e poi sugli altri".
 
 
 
14. L'importante è che tutti siano vivi e in salute.
 
Tutte le madri lo ricordano non appena il figlio si ammala. Ma sarebbe bene ricordarlo ogni giorno.
 
Qualunque cosa accada, fin quando tutti sono vivi e in salute, va tutto bene.
 
Tutto il resto sono sciocchezze. Se non hai qualcosa, non fa niente. Se ne avrai bisogno, lo avrai.
 
 
 
15. Impara a memoria alcuni mantra:
 
  • Sono sempre al passo con la mia vita.
  • Sto bene così.
  • Sto sempre bene.
  • Tutto andrà sicuramente meglio più avanti. Per il momento, va bene così.
  • Ora mi trovo in questo punto e sono come devo essere.
  • Sono una donna comune e non devo essere perfetta.
 
Le tue domande, i tuoi commenti e feedback lasciali qui o sotto i miei video. Sono il più grande ringraziamento per me, se quest'articolo ti è stato utile. ;)  
 

Ciao!

Mi chiamo Svetlana Rechkova.

Sono life coach, personal trainer e, soprattutto, donna felice.

Aiuto le donne a bilanciare tutte le aree della loro vita e renderla più armoniosa. 

Le mie clienti cambiano il loro modo di pensare, diventano più sicure di sé, più ricche, e più felici.

"Niente paura, Visione chiara e le Azioni ottimali"

è il mio motto.

Eccellente Donna
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x

This is the bottom slider area. You can edit this text and also insert any element here. This is a good place if you want to put an opt-in form or a scarcity countdown.