Dobbiamo immaginare il nostro corpo come una centralina elettrica: i cavi, dove scorre l’energia, arrivano a dei centri di calcolo dove questa viene assimilata e rielaborata per poi essere direzionata verso vari distretti.

Bene, i cavi sono le nostre vene e il nostro sistema linfatico, o, come si dice in Medicina Tradizionale Cinese o Agopuntura, i Meridiani, i centri di calcolo sono i nostri punti energetici, detti Chakra, e i distretti gli organi principali e le ghiandole che svolgono per noi attività vitali.

Vediamo i 11 chakra più conosciuti dalla testa fino al bacino: chakra della corona, della fronte, chakra Ajna (tra le due sopracciglia), chakra della gola, del cuore (anteriore e posteriore), del plesso solare (situato più o meno all’altezza dello sterno), e anche questo anteriore e posteriore, chakra splenico (un poco più in basso a sinistra), anch’esso anteriore e posteriore, chakra dell’ombelico e, nella sua parte posteriore, chakra del meng mein… per finire con il chakra sessuale davanti e di base nella sua parte posteriore.

Oltre questi chakra, che sono i principali e quelli deputati al funzionamento degli organi fondamentali, ce ne sono altri minori su cui al momento non ci soffermeremo.

Sette chakra_significato, colori

L’energia vitale che viene assorbita dal mondo esterno viene detta Prana e naviga attraverso i Meridiani per giungere ai vari chakra che, ruotando, la distribuiscono ai vari organi e poi, ruotando nuovamente, all’inverso, ricevono il prana residuo e lo scaricano all’esterno del nostro corpo.

Se chiudiamo gli occhi e immaginiamo tale meccanismo sembra di vedere un flipper o un altro gioco luminoso del Luna Park, che con sincronicità e armonia dissipa luce e suoni.

Per far funzionare al meglio tutto questo colorato e armonico meccanismo, il segreto è il respiro.

Il Prana, infatti, segue il nostro pensiero e il nostro respiro, pertanto, più il respiro sarà profondo e la mente libera e più l’Energia Prana fluirà nel modo giusto, dandoci salute e benefici.

La M.T.C. (Medicina Tradizionale Cinese), così come lo Shiatsu giapponese (massaggio a digitopressione) utilizzano proprio questi centri energetici per apportare benefici e risolvere patologie e fastidi.

Dott.ssa Martina Castagna-Wellness Coach

Summary
LA MAGIA DEI CHAKRA
Article Name
LA MAGIA DEI CHAKRA
Description
Dobbiamo immaginare il nostro corpo come una centralina elettrica: i cavi, dove scorre l’energia, arrivano a dei centri di calcolo dove questa viene assimilata e rielaborata per poi essere direzionata verso vari distretti.
Author
Ecceletne Donna