L’occhio si muove grazie ai muscoli e i muscoli bisogna allenarli – dicono gli oculisti.

La ginnastica oculare è meglio farla la mattina o la sera (prima di andare a dormire).

Bisogna ripetere ogni esercizio 5-30 volte; iniziare con pochi movimenti, aumentando gradualmente l’intensità.

I movimenti devono essere fluidi. Tra un esercizio e l’altro sbatti le palpebre.

Prima di iniziare, non dimenticare di togliere gli occhiali o le lenti a contatto.

Esercizi per migliorare la vista aiutano a ripristinare la vista.

Esercizio 1. GUARDA ALLA FINESTRA

Applica una piccola pallina di plastilina sul vetro della finestra. Scegli fuori dalla finestra un oggetto lontano, guardalo per alcuni secondi, poi sposta lo sguardo verso la pallina.

Col tempo, esercitandoti, complica il compito: focalizzati su quattro oggetti diversi.

Esercizio 2. MASSAGGIO

Fai “lo sguardo di una persona spaventata”.

Mettiti seduto/a con la schiena dritta. Strizza gli occhi per 5 secondi, e subito dopo spalanca gli occhi. Ripeti 8-10 volte.

Esercizio 3. IDROMASSAGGIO

Sciacqua gli occhi 2 volte al giorno, mattina e sera. Al mattino – prima con l’acqua abbastanza calda (ma, non troppo calda!), poi, con l’acqua fredda.

Prima di andare a letto tutto in ordine inverso: prima con l’acqua fredda e poi con l’acqua calda.

Esercizio 4. “PRIMO SOCCORSO”

“Primo soccorso” per gli occhi: chiudi gli occhi per alcuni minuti e immagina qualcosa di piacevole.

E se strofini i palmi delle mani e copri gli occhi con le mani calde, incrociando le dita sulla fronte, l’effetto sarà più intenso.

Esercizio 5. “DISEGNA” UN’IMMAGINE

semplici esercizi

– Guarda su e giù con la massima ampiezza.

– Traccia con lo sguardo un cerchio in senso orario e poi in senso antiorario.

– Porta lo sguardo dall’angolo interno dell’occhio destro e l’angolo esterno dell’occhio sinistro in l’alto verso l’angolo esterno dell’occhio destro e l’angolo interno sinistro, e poi nella direzione opposta.

– Traccia con lo sguardo un rettangolo.

– Lo sguardo segue l’arco convesso e poi concavo.

– Traccia il rombo con lo sguardo.

– Traccia i “fiocchi” con lo sguardo.

– Segui con lo sguardo la lettera S, prima in orizzontale, poi in verticale.

– Traccia con lo sguardo archi verticali, prima in senso orario, e dopo, in senso antiorario.

– Porta lo sguardo da un angolo all’altro, lungo le diagonali di un immaginario quadrato.

– Unisci al massimo le pupille verso la punta del naso, avvicinando un dito al naso.

– Sbatti velocemente le palpebre, come una farfalla sbatte le ali.

Tradotto da Tatiana Rozhko per Eccellente Donna

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere notizie da Eccellente Donna!