Il rapporto con i genitori per molti di noi è un tema doloroso.

Capita, che i miei clienti, persone forti e di successo, piangano, raccontando i loro rancori verso i genitori.

Una tale e forte reazione emotiva è legata al fatto che noi, non solo idealizziamo i genitori come persone, ma anche il nostro rapporto con loro.

Che cosa pretendiamo dai nostri genitori?

Pretendiamo da loro un amore incondizionato e un'accettazione totale.

Crescendo e maturando, però, spostiamo queste pretese verso i nostri compagni di vita

E, addirittura, una volta diventati genitori, abbiamo le medesime pretese idealizzate verso noi stessi, provando un senso di colpa e pensando di essere cattivi genitori quando la realtà distrugge queste idealizzazioni.

L'infanzia ha un enorme impatto sulla vita di una persona

Veniamo in questo mondo impotenti, e senza cura dei genitori o delle persone che sostituiscono i genitori, non siamo in grado fisicamente di sopravvivere.

Per noi è importante sentire di essere amati incondizionatamente, semplicemente per quel che siamo.

Abbiamo bisogno di sapere che, qualsiasi cosa accada, a casa dei genitori, siamo sempre i benvenuti.

Vogliamo essere orgogliosi dei nostri genitori, e renderli orgogliosi di noi.

Speriamo di far nostre le abilità, le conoscenze e le convinzioni dei nostri genitori, imparare come funziona il mondo e come comportarci.

Quando siamo interessati ai nostri genitori come individui, proviamo una grande soddisfazione a relazionarci con loro.

E quando questi rapporti sono anche colmi di affetto, di collaborazione e di reciproco supporto, diventano una fonte di inesauribile ispirazione.

Quali sono le nostre aspettative verso la madre?

Per una mamma, la famiglia deve essere la cosa più importante al mondo.

La mamma deve donarci un amore infinito, deve prendersi cura dei nostri interessi, addirittura, più di noi stessi.

La mamma deve saper creare l'ambiente accogliente anche con un reddito modesto, trascorrere volentieri il tempo, condividendo con noi i giochi e inventando sempre nuovi divertimenti.

La mamma deve essere un ideale di bellezza. Per la figlia deve essere un esempio di come essere una volta diventa donna. Per il figlio, invece, deve essere un esempio, come deve essere la sua futura moglie. Deve inoltre condividere i canoni della bellezza con i propri figli.

La mamma deve essere intelligente, per aiutare a fare i compiti, suggerire idee creative per scrivere un tema scolastico...

La mamma deve essere affettuosa, anche quando siamo cresciuti e diventa molto difficile esprimere i sentimenti… Non deve offendersi quando rifiutiamo il suo affetto, pensando che sia fuori luogo.

La mamma deve essere comprensiva. Chi può capire i propri figli meglio di lei?! Capire, e, quindi, mai giudicare.

La mamma deve essere attenta ai nostri sentimenti: non deve gridare né insultare. Mai offendere, questo ferisce la nostra sensibile innocente anima!

La madre deve saper supportare in ogni situazione. Anche quando il papà ci punisce duramente, la mamma deve saperlo convincere a cambiare idea. E se qualcuno ci da una valutazione negativa, la mamma ci deve lodare, altrimenti avremo una bassa autostima a vita.

La mamma deve essere un modello di ordine, di cura personale, e di salute.

A chi, se non alla madre, possiamo affidare una perfetta organizzazione della casa, altrimenti come impariamo a mantenere l'ordine nella nostra stanza, nei nostri vestiti e nella nostra testa?!

La mamma deve essere premurosa e amichevole, deve avere tanti amici.

E, naturalmente, la mamma deve preservare la famiglia. È un dovere di donna.

Il bambino, si scontra abbastanza presto con il fatto che tutto ciò che accade nella sua vita, non accade così come lui si aspetta dai genitori. A seguito di questa delusione sorgono risentimenti, nascono convinzioni e paure di non essere amato.

Idealizzazione del ruolo del padre >>

Trasforma la Tua vita in meglio con il Metodo Transelfing

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere notizie da Eccellente Donna!