I potenziali uomini di successo inconsciamente sposano le donne che sono in grado di ispirare alla prosperità. Dicono che Boris Berezovsky sia diventato un magnate grazie all'ispirazione della seconda moglie, e prima di diventare ricco era un povero docente senza grandi prospettive per il futuro.

Barzelletta su Bill Clinton

Si ferma Bill Clinton (quando era ancora presidente), con la moglie Hillary davanti al rifornimento di carburante. Il proprietario è l'ex fidanzato di lei.

Bill dice: "Vedi, sei stata fortunata che hai spostato me e non lui. Oggi saresti stata la moglie di un rifornitore dei carburanti".

Hillary risponde: "No caro. È lui che oggi sarebbe stato il Presidente!"

Ma, passiamo al concreto. Prima di tutto, cerchiamo di capire che tipo di donne sono capaci di ispirare al successo.

La base su cui si costruisce il benessere in famiglia è l'equilibrio tra dare e ricevere.

Le donne, da questo punto di vista, si suddividono in tre categorie.

Prima categoria: le donne abituate a dare.

Assumono la posizione di vittima, si lasciano manipolare, e poi si lamentano di "come sia difficile la vita".

La vittima riceve poco in cambio.

Non è in grado di chiedere e ricevere qualcosa dagli altri.

Ha una sorta di orgoglio, attraverso il quale mostra quanto lei sia forte e quanto possa sopportare.

Se qualcuno le regala qualcosa, si sente a disagio. Se qualcuno la loda, si perde e si oppone.

Non sa "pretendere il premio" per le proprie azioni. Non è capace nemmeno di chiedere al capo un aumento di stipendio...

I mariti delle donne "vittime" difficilmente riescono a raggiungere il successo.

Hanno un latente senso di colpa perché non riescono a far felice la compagna, e per questo inconsciamente puniscono se stessi.

Non hanno energia per svilupparsi e costruire.

Il compagno di vita di una "vittima" facilmente si trasforma in un despota violento.

Questo avviene perché la donna "vittima" non rispetta l'uomo. Non sa chiedere qualcosa in modo semplice.

Per esempio, invece di far capire, che anziché margherite avrebbe preferito rose, comincia a martellare: "sei uno scemo, non capisci che mi piacciono le rose! Non mi hai mai capito, anzi, hai rovinato tutta la mia vita…"

Alla fine, non riceve né l'uno né l'altro.

Oppure, martella fino a quando l'uomo non comincia a metterle le mani addosso. Ed è proprio a questo corrisponde la sua immagine della vita, nella quale porta orgogliosamente la "croce da martire".

Seconda categoria: le donne abituate a ricevere.

"Tutto a me!"

La predatrice cerca sempre di prendere. Questo tipo di donna sa abilmente manipolare gli uomini.

In una relazione, al primo posto mette la componente materiale-economica.

Lei non è sicura di sé e cerca di pararsi.

"I figli, l'amore, il sesso sono tutti legami fragili, - diceva anni fa una mia collega. - Beni e risorse! Ecco, cosa lega l'uomo molto forte!".

La predatrice è avara non solo nel denaro, ma anche nell'affetto.

Ed è proprio questo tipo di donne che gli uomini tradiscono più facilmente.

Perché prima o poi, un uomo si stanca dare e mai ricevere affetto e stima in cambio. E, quindi, tradisce perché vuole ricevere una porzione di quello che dovrebbe dare la donna amata.

La predatrice semplicemente "protegge" i beni, e col tempo diventa un "tesoriere". Questo, ovviamente, non rende felice nessun uomo.

Il marito di una "predatrice" può raggiungere il successo un po' più facilmente rispetto al marito di una "vittima". Inizialmente lo stimolano i desideri della moglie. Ma, con il tempo si stanca di dare senza ricevere e molla o lascia tutto al caso.

E, soprattutto, tale rapporto non dura a lungo: queste coppie o si lasciano o vivono una relazione finta.

Terza categoria: donne che sanno mantenere l'equilibrio tra "dare" e "ricevere".

Questo equilibrio è un segno di salute psicologica e di armonia con se stessa.

Saper ricevere significa sapere cosa esattamente ti serve e quanto. E "rivendicarne i diritti" in modo chiaro e tranquillo.

La donna "vittima" non dice niente fino all'ultimo, per poi scoppiare in lacrime:

"Non mi ami, non mi dedichi tempo e attenzione, sei un disgraziato..."

Invece, la donna "predatrice", al contrario, comincia a pretendere tempo e attenzione, di comprare questo e quello, soltanto per mostrare il proprio "potere". L'uomo si stufa e scappa alla prima occasione.

Saper dare significa non imporre le proprie esigenze o/e i propri sentimenti, significa dare tanto quanto ha bisogno l'altro, e, soprattutto, quando ne ha bisogno.

In un rapporto di coppia questo equilibrio riguarda non tanto l'aspetto materiale, quanto quello emotivo e spirituale.

Se l'equilibrio c'è, l'uomo percepisce la famiglia come un'oasi di pace, per la quale è pronto a fare tutto. È la sua fonte di ispirazione.

Quali qualità deve sviluppare la donna per aiutare il compagno a raggiungere il successo?

Come ispirare marito e farlo diventare ricco

 

Il rispetto reciproco.

"Io rispetto te e tu rispetti me!"

Questo messaggio trasmette la donna che ispira al successo.

Lo manifesta sia nel comportamento che nelle parole. Ha dignità, e, se qualcosa non le sta bene, lo dice tranquillamente.

Il segreto di tale atteggiamento è il tono affettuoso. Ripetere, ripetere, ripetere. Con un sorriso sulle labbra.

Così si può "educare" nell'uomo le piccole attenzioni cavalleresche quali aprire la porta, porgere il cappotto e così via.

Perché questo comportamento attira il successo dell'uomo?

Perché avere a fianco una donna autonoma e sicura di sé, che sa cosa vuole, automaticamente spinge l'uomo a comportarsi come un vincitore.

Stile. Se la donna si sente una signora anche l'uomo accanto a lei "raddrizza la schiena e apre le spalle".

Ma per apparire sempre come una signora, bisogna avere stile e buongusto.

Bisogna imparare ad avere buongusto attraverso esercizio e pratica. Come farlo, ognuno decide per sé.

Guardare le sfilate di moda, sfogliando riviste, relazionarsi con le donne, che sanno come vestirsi eccetera.

Eleganza è la capacità di essere attraente a prescindere dal modo di vestirsi. Naturalmente, bisogna essere elegante anche a casa. Questo stimola l'uomo a guadagnare di più.

Spendere ragionevolmente. Si sa, i ricchi non sperperano i soldi. Una moglie ragionevole conosce il valore di ogni centesimo guadagnato dal marito. Quindi, non spenderà per le sciocchezze.

Come dice il proverbio: "Non siamo così ricchi per poterci permettere di comprare la roba che costa poco".

Una brava moglie sa fare gli acquisti. La qualità è al primo posto.

I soldi non devono essere sprecati.

Bisogna imparare a spendere i soldi sulle cose realmente necessarie.

Cosa deve fare una donna per ispirare l'uomo alla prosperità?

(Le donne sagge dicono e fanno tutto questo istintivamente)

1. Creare l'atmosfera

Se la donna non crede nel proprio uomo (anche se non glielo dice), lui lo capisce bene e pure lui non è sicuro di sé e per questo nutre rabbia nei suoi confronti.

Pertanto... Getta le basi della fiducia!

Esercizio di Life coaching:

Prendi un foglio di carta e una penna e scrivi dieci risposte alla domanda: "Perché mio marito è il migliore?"

E, tra l'altro, quanto più gli dici "sei il migliore", tanto più probabilità hai di rimanere per lui l'unica donna. 😉

Così lui smette di cercare altri modi di affermazione personale e non si distrae dai propri complessi interiori.

Quindi, utilizza ad ogni occasione il potere delle "dritte" positive. Digli spesso: "Sei forte, tu riuscirai a fare tutto, io credo in te", e così via. Queste frasi lo stimolano a crescere ulteriormente.

Ci sono donne che per qualche motivo, volendo aiutare il marito, cercano di risolvere tutti i problemi al posto suo.

Ma anche se sai come fare meglio, permetti al tuo uomo di prendere decisioni da solo.

Invece i tuoi consigli cerca di presentarli in modo da farlo riflettere, con l'uso indispensabile di parole tipo "forse".

Rilassati e impara a fidarti del tuo uomo.

2. Ispirare al successo attraverso il potere dell'immaginazione

Funziona molto bene il metodo della visualizzazione. Consiste nell'immaginare il futuro desiderato, chiaramente, in tutti i colori e le sfumature.

"Il marito ricco" (visualizzazione per la donna)

Assumi una posizione comoda e immagina come sarebbe tuo marito, se fosse ricco. Immagina il risultato finale desiderato. Che macchina guida? Cosa indossa? Cosa ti regala? Come è la vostra casa? A che ora esce di casa, e a che ora torna? E così via. >>

Gli esperti in psicologia dicono che, se ogni giorno si immagina per 5 minuti il risultato desiderato, già tra un mese avverranno i primi cambiamenti per il meglio.

"Uomo di successo" (visualizzazione per l'uomo)

La meditazione consiste nel cercare di aiutarlo a sentirsi uomo di successo.

Ad esempio, facendogli un massaggio chiedigli di immaginare come si vede in cima ai suoi più audaci sogni.

Deve immaginare di avere già tutto ciò che vuole, deve immaginare di cavalcare l'onda del successo.

Sarai in grado di sentire con le tue mani, come reagisce l'uomo, quando entra in questo stato. I muscoli sulla schiena si rilassano e si allineano.

3. Massaggio per "attirare i soldi"

Dal punto di vista della medicina psicosomatica la "zona delle finanze" è la schiena e la parte lombare.

La zona della fiducia in se stessi e negli altri è tra le scapole.

Le spalle corrispondono alla responsabilità.

Un massaggio fatto dalla persona amata scioglie i blocchi muscolari in queste zone.

Senti dolore nella parte bassa della schiena?

È colpa delle paure riguardanti il denaro.

Le paure creano i blocchi, e poi i blocchi aumentano le paure, tutto è interconnesso. >>

4. Rafforzare la relazione con il padre

Dal punto di vista del sistema delle relazioni familiari, l'energia di denaro fluisce verso di noi da parte del padre.

Quindi, inizia a rafforzare il rapporto con il padre e cerca di indurre il marito a fare la stessa cosa.

E se, per esempio, nelle famiglie dei genitori c'erano problemi di soldi o di affetto, lo psicoanalista tedesco Bert Hellinger consiglia di dire mentalmente ai genitori queste parole:

"Permettetemi di essere un po' più felice e più ricco di voi".

E chiedere la benedizione.

Così lavoriamo con il nostro subconscio, per evitare che ci spinga a ripetere lo scenario dei genitori.

Come comportarsi quando il marito non ha… molto successo

Il compito della donna è distrarre l'uomo da pensieri cupi.

Lo stipendio non è soddisfacente? Non riesce a trovare un buon lavoro?

La vita non finisce, siete insieme, la cosa più importante è la vostra famiglia, i vostri figli, il vostro amore. Domani sarà diverso. Fai un sorriso!

Non permettergli di piagnucolare perché non va bene niente. Vuole prendersela con qualcuno, allora lascialo sfogare, e cambia subito argomento.

Il fatto è che, se si parlare di un problema, questo problema aumenta di dimensione. Invece, se si pensa a una soluzione, la dimensione del problema diminuisce.

A volte è meglio semplicemente rimandare la ricerca della risposta alla domanda "Cosa fare?"

Il subconscio fa tutto il "lavoro nero". La risposta prima o poi maturerà.

E, soprattutto, non martellare!!

Se il marito è sospeso in uno stato di depressione per un anno o più, può aiutare la "terapia d'urto". Ma con molta cautela.

Allan Pease - lo psicologo americano - era depresso perché lo aveva derubato il suo contabile. Dopo due anni dall'inizio di questa striscia nera, la moglie Barbara gli disse: "Tesoro, ti voglio bene, ma così non può continuare. O vai da uno psicologo, smetti di piangerti addosso e riprendi a lavorare, o io ti lascio abbracciato alla tua depressione". Ha reagito come se qualcuno gli buttasse addosso acqua bollente, si è ripreso e dopo un paio di anni è diventato autore di best-seller.

Come comportarsi quando il marito ha... molto successo

Quando il compagno è "a cavallo", al primo segno di ostentazione e di arroganza bisogna fargli ricordare che il successo è volubile e, prima o poi, può tradire.

Devi semplicemente gioire del successo del compagno e spendere i soldi per godersi la vita insieme.

Anzi, per far crescere i redditi del marito devi chiedergli i regali. Qualcosa da donna che ti renderà felice.

INFINE

Qualcuno dopo aver letto tutto questo può avere l'impressione, che la donna non faccia altro che "balzare" intorno l'uomo.

Ma, qui, è importante il principio del fare tutto volentieri. Questa è il primo punto.

Non ti va o non hai le forze per fargli un massaggio? Non fa niente. Chiedi a lui di farti un massaggio nella zona del denaro. 😉

E, il secondo punto. È importante che facendo tutto questo la donna viva la propria vita e non dipenda dal compagno.

È lei che colora la grigia giornata di gioia e di felicità.

A proposito, è anticamente noto che la beneficenza aiuta a conservare e a valorizzare la ricchezza.

Forse, perché la beneficenza cambia l'atteggiamento verso il denaro e riduce il senso di colpa verso i poveri.

Nella società il denaro si percepisce come un qualcosa di malvagio.

Invece, quando doni un soldo ad un mendicante, sapendo che con quei soldi si compra da mangiare, il denaro, nella percezione, si trasformano in un bene. E gli ostacoli per guadagnare cadono.

Non a caso molte famiglie ricche applicano questo schema: il marito guadagna, e la moglie si occupa di beneficenza.

Eccellente Donna

TROVA LE PAROLE SPECIALI PER IL TUO UOMO!

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere notizie da Eccellente Donna!