Mantenere la calma non è solo la capacità di controllare se stessi e gestire le proprie emozioni. Saper mantenere la calma è l'arte di valorizzare la vita, essere in grado di comprendere la gente, le situazioni spiacevoli e risvolti negativi.

Imparare a mantenere la calma e avere la pazienza non significa rassegnarsi alle sconfitte e accettare le difficoltà come un dato di fatto. Tuttavia, l'energia che si perde per uno sfogo delle emozioni e delle inutili preoccupazioni, potrebbe portare a un esito positivo.

Saper mantenere la calma è l'arte di vedere la vita in prospettive diverse, essere capace di comprendere la gente, le situazioni spiacevoli e risvolti negativi.

Quando senti aumento di emozione negativa – indignazione, stizza, voglia di ribadire, rabbia, ira, eccetera – devi, innanzitutto, accettarla come un dato di fatto, riconoscendo che sei arrabbiata, hai voglia di urlare, di calciare o anche battere il pugno sul tavolo.

Le convinzioni che sfogo d'ira e stizza aiutano a scaricare la tensione e controllare se stessi non sempre corrispondono alla verità: a volte, dando volontà alle emozioni non siamo in grado di calmarci e, spesso, ci irritiamo ancora di più, finendo in uno stato di vera e propria crisi isterica. Per cui vale la pena di imparare a frenare le emozioni negative, per esempio, distraendoci. Fare un respiro profondo e trattenerlo al più lungo possibile. Questo semplice esercizio di respirazione aiuta a distrarci dalle situazioni immediate. Il fatto è che durante l'apnea, praticamente, non siamo in grado di pensare ad altro, tranne il fatto, come trattenere il respiro più a lungo. Veramente, è un metodo efficace che aiuta a riprenderci.

Un altro esercizio che ha lo scopo di differire la reazione è contare fino a dieci. Oppure fino a dodici, se può essere più utile.

Valuta il tuo stato emotivo su una scala da uno a dieci. Reazione emotiva da 1 a 5 significa che sei in grado di controllare te stesso/a, invece se valuti lo stato emotivo tra 6 a 10 punti, allora devi riflettere. D'altronde, pensando al fatto quanti punti assegnare al proprio scatto d'ira - sette o otto - riuscirai a rilassarti, poiché ti aiuterà a distrarti dalla situazione.

Valuta il tuo stato emotivo su una scala da uno a dieci

Sarebbe interessante provare a vedere tutto ciò che accade a te come se tu stessi guardando un film o stai osservando la situazione da lontano. Immagina prospettive diverse di questa scena. Poi anche dare un po' di comicità alla situazione e concentrarti su dettagli più divertenti o bizzarri. Però non esagerare durante le conversazioni importanti o chiarimenti con persone care perché rischi di non essere capito/a.

In situazioni critiche che possono provocare il panico, ai piloti americani insegnano a rispondere alla domanda: "Sei ancora in volo?". Valuta se sei davvero sull'orlo del baratro o la tua vita e la tua salute non sono in pericolo. In realtà, se "sei ancora in volo", non è poi così male come sembra. Sii capace anche nel momento più critico "prevedere" il tuo futuro e prevenire le conseguenze della situazione. Cambierà qualcosa in peggio in futuro da questa situazione e dalla tua emozione negativa? Se la causa di una forte emozione è un piccolo stimolo, allora, non vale la pena danneggiare le cellule nervose, poiché non possono rigenerarsi.

Anche le faccende domestiche aiutano a far fronte a una forte emozione. Inizia a fare le pulizie della casa, sistemare il posto di lavoro o disegnare qualcosa. L'esistenza di un risultato stimola il rilascio di endorfine nel sangue, il che in parte neutralizza le emozioni negative.

Imparare mantenere la calma è necessario per non portare se stessi a condizione di stress. MAI.

Rifletti sul parere degli psicologi che credono che la rabbia sia un segnale di insicurezza, di una bassa autostima e di mancanza di affetto. Se lo accetti e cerchi di giustificare la tua rabbia con il fatto che "mio marito mi ha lasciata, ho una madre cattiva e, comunque, sono una stupida", è un atteggiamento seriamente ?sbagliato.

Prima di tutto, devi attingere dentro te stessa l'amore e l'affetto: fonte di tranquillità, pazienza e umiltà, nel senso migliore di queste parole.

Impara a percepire l'avvicinamento di una forte emozione negativa. Se l'irritazione, la rabbia, il panico e altre emozioni negative per te in linea di principio sono tipici, porta con te un "sassolino calmante", un qualcosa liscio e piacevole al tatto adatto da portare in tasca. Questa "imitazione di un rosario segreto" ti aiuterà a calmarsi in un momento difficile e controllare la situazione.

E ricorda sempre un'antica verità: "Se veramente non si può cambiare nulla, lascia le cose come stanno". E stai calma!

Programmati a vivere in modo sereno!

https://www.youtube.com/watch?v=MMgcorTC-8Y

Programmazione mentale (variante completa)

Summary
Le tecniche per mantenere la calma in situazioni stressanti
Article Name
Le tecniche per mantenere la calma in situazioni stressanti
Description
Quando senti aumento di emozione negativa – indignazione, stizza, voglia di ribadire, rabbia, ira, eccetera – devi, innanzitutto, accettarla come un dato di fatto, riconoscendo che sei arrabbiata, hai voglia di urlare, di calciare o anche battere il pugno sul tavolo.
Author
Eccellente Donna
Le tecniche per mantenere la calma in situazioni stressanti

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere notizie da Eccellente Donna!