Fin dall'infanzia ci abituano a seguire qualcuno, a fare ciò che si deve, obbedire, andare a scuola, servire la patria, la famiglia, l'azienda, lo stato…

Siamo guidati dal senso del dovere, dalla responsabilità o dalla necessità.

Siamo tutti influenzati da qualche struttura, che si tratti del nostro lavoro, del partito politico, del club di interesse o di un'istituzione educativa.

I pendoli tirano le persone per fili invisibiliVadim Zeland

E, più membri sostenitori ha questa struttura, più diventa forte, essa inizia a vivere secondo le proprie leggi e subordinare a queste leggi i propri sostenitori. Così si forma un PENDOLO.

Vadim Zeland definisce i PENDOLI come "strutture energetico-informative", creati da un gruppo di persone che pensano nella stessa direzione.

Quest'energia mentale si unisce in un unico flusso e induce ogni sostenitore ad agire nell'interesse del PENDOLO.

Transurfing non incita a liberarsi dall'influenza di tutti i pendoli.

Non c'è bisogno di lasciare il lavoro, il paese e andare a vivere da qualche parte in alta montagna.

Il nostro compito è quello di MANTENERE LA CONSAPEVOLEZZA in qualsiasi pendolo ci troviamo.

Perché il pendolo si chiama così?

Secondo il principio della sua azione. Più oscilla, più sostenitori attira, sono quelli che lo alimentano con la propria energia.

Il pendolo si alimenta anche dell'energia di chi lo combatte (pendolo del gruppo politico).

Un pendolo non è necessariamente qualcosa di globale, come un'università o un esercito.

Potrebbe essere qualsiasi discussione, qualsiasi conflitto scoppiato per strada o in ufficio.

Hai sempre una scelta: soccombere alla sua influenza, travolgerti e dare la tua energia al pendolo, o ignorarlo, non permettendo di manipolarti.

Vuoi essere libero e conservare energia?

Vuoi imparare a trarre beneficio da qualsiasi pendolo, pur rimanendo in disparte?

Vuoi essere libero e non perdere energia, e allo stesso tempo rimanere nel sistema e godere dei suoi benefici?

Vuoi uscire facilmente da qualsiasi situazione di conflitto, aggirare gli "angoli acuti" e non permettere ai pendoli distruttivi di "agganciarti"?

Scopri di più su come interagire correttamente con i pendoli >>

Leggi dei pendoli

Combattere contro il pendolo è inutileVadim Zeland

❗ 1. I pendoli fanno di tutto per aumentare l'energia del conflitto.

❗ 2. I pendoli non hanno consapevolezza, agiscono inconsciamente.

❗ 3. Se la tua attenzione viene catturata, il pendolo inizia a manipolarti.

❗ 4. Qualsiasi pendolo è distruttivo.

❗ 5. L'obiettivo del pendolo è solo uno: ottenere l'energia di sostenitori e avversari.

❗ 6. Più forte è il tuo desiderio di evitare qualcosa, più è probabile che proprio per questo lo avrai.

❗ 7. Uno dei modi per ottenere la tua energia è farti perdere l'equilibrio.

Perché i pendoli sono pericolosi?

1.    Perché si nutrono della tua energia, ti senti stanco, non hai la forza di muoverti verso i tuoi obiettivi.

2.    Peggiorano i tuoi rapporti con le persone intorno a te.

3.    Influenzano negativamente il tuo benessere, aumentano il livello di stress, indeboliscono il sistema nervoso.

4.    Ti allontanano dai tuoi veri obiettivi imponendo i propri modelli e standard.

5.    Non ti permettono di rivelare la tua unicità e il tuo talento dettando le proprie regole del gioco e le norme di comportamento.

6.    Ti sottomettono alla propria volontà azionando i fili come se fossi una marionetta, ti schiacciano e ti costringono ad agire inconsapevolmente.

7.    Ti contrappongono agli altri, ti inducono a credere nella tua "unicità" e nella "imperfezione" degli altri.

8.    Manipolano e giocano con i tuoi sentimenti, nascondendosi dietro alti obiettivi e nobili motivazioni.

Come non cadere sotto l'influenza dei pendoli?

Bisogna svegliarsi e rendersi conto di ciò che sta accadendo, guardare la situazione come se fosse dall'esterno, distinguersi da essa.

Per un attimo, guarda ciò che sta accadendo attraverso gli occhi non di un partecipante attivo, ma di uno spettatore.

Immagina di essere non un attore, ma un regista.

Chiedi a te stesso: "Cosa sto facendo? Qual è il mio obiettivo? Cosa voglio? Tengo sotto controllo le mie emozioni e le mie azioni?"

Così potrai capire in che modo il pendolo sta cercando di manipolarti in questo momento.

E, la comprensione è già metà dell'opera.

Devi svegliarti e renderti conto di come il pendolo cerca di manipolartiVadim Zeland

☝ Non appena diventi consapevole, il pendolo perde il potere su di te.

Sei consapevole di ciò che sta accadendo. Non sei più una marionetta. E quindi, ora puoi prendere decisioni adeguate.

Certo, non è sempre facile farlo. Soprattutto se provi sentimenti come rabbia, irritazione, risentimento, gelosia.

Cerca di cadere nell'indifferenza. Dici a te stesso: "Non mi importa. Non mi faccio agganciare da questo pendolo. Non sto dormendo e sono completamente consapevole di quello che sto facendo".

E sposta subito l'attenzione su qualcos'altro. Vai a fare le tue cose, prenditi una pausa, pensa a qualcosa di bello (a seconda della situazione).

Il tuo compito è "sfuggire" dal pendolo in qualunque modo.

●    Se si tratta di una discussione, alla esci dalla stanza e vai prepararti un tè.

●    Se è un maleducato per strada, passa indifferente.

●    Se sei infastidito dalla musica ad alto volume, cerca di distrarti, volta la tua attenzione a qualcos'altro.

COME INTERAGIRE CORRETTAMENTE CON I PENDOLI

Metodo 1. "Affossare" il pendolo.

Il modo più semplice per resistere alle provocazioni del pendolo è rinunciare a combatterlo.

Per farlo, bisogna accettarlo, cioè riconoscere la sua esistenza.

Ad esempio, riconoscere il diritto all'esistenza di altre opinioni nelle discussioni, altri modelli di comportamento, altre filosofie di vita.

E poi, semplicemente passare oltre, indifferente. Non coinvolgersi nel gioco del pendolo. Ignorarlo.

E, soprattutto, non irritarti. Allora sarai in grado di ignorare e affossare questo pendolo, e la gente gradualmente smetterà di rovinati l'umore.

Certo, nella vita ci sono situazioni in cui non è facile semplicemente passare oltre.

Ad esempio, il tuo capo vuole darti un lavoro extra, quando sei già pieno di incarichi.

Se inizi a discutere, obiettare, resistere, non ne uscirà nulla di buono.

È meglio rinunciare alla lotta e fingere di stare al gioco del pendolo. Rispondi a tutti i suoi assalti con il consenso. Annuisci e accetta.

Ma dentro di te, non coinvolgerti in questo gioco.

Osserva tranquillamente la situazione dall'esterno, e volta diplomaticamente e impercettibilmente le oscillazioni del pendolo nella direzione desiderata:

Sposta l'attenzione del capo ai tuoi colleghi che sono occupati meno di te. Indirizzalo all'idea che questo lavoro sia meglio per loro, perché tu hai già progetti più importanti.

In questo caso, il tuo "asso nella manica" sarà la consapevolezza e grazie ad essa otterrai ciò che pensavi.

Il capo vedrà che non vai contro di lui, ma accetti la sua opinione e suggerisci come agire in modo più efficace. E la sua energia, diretta inizialmente verso di te, si sposterà verso un altro esecutore.

Metodo 2. "Estinguere" il pendolo.

Un altro modo per trattenere la tua energia quando interagisci con un pendolo è estinguerlo.

Estinguere significa reagire fuori dagli schemi alle sue provocazioni:

Ad esempio, ridere in risposta alla maleducazione di un passante.

O, regalare improvvisamente un mazzo di fiori al tuo nemico accanito.

L'importante è fare qualcosa che non si adatti allo scenario del pendolo e che entri in dissonanza con la frequenza delle sue oscillazioni.

In questo modo lo abbatti dal ritmo e non gli permetti di rubare la tua energia.

Usa fantasia e senso dell'umorismo, e alla fine imparerai a trasformare qualsiasi irritazione e rabbia un gioco, in uno scherzo.

Sii paziente. Ricorda sempre di non reagire più alla provocazione del pendolo.

Se cedi e reagisci alla negatività con negatività, farai oscillare il pendolo e farai entrare nella tua vita una serie di nuovi problemi.

Non ne hai bisogno, vero? Allora, estingui il pendolo.

Reagisci in modo inadeguato. Ridi o fai qualcosa che non aspettano da te in quella situazione.

A volte è meglio apparire strano o anche ridicolo, anziché agire come una marionetta, seguendo un scenario determinato da qualcuno.

Metodo 3. "Darsi in affitto".

Il terzo metodo è adatto per interagire con i pendoli, dai quali non puoi scappare in nessun modo. Ad esempio, un pendolo del lavoro che non ami.

Se non sopporti il tuo lavoro, sei infastidito dai tuoi colleghi e dal tuo capo... ma adesso non lo puoi lasciare perché devi pagare il mutuo, mantenere la famiglia, mettere da parte i soldi. In questo caso, prova a "dare in affitto" te stesso.

Cosa significa? Significa definire un periodo di tempo concreto durante il quale continuerai a giocare secondo le regole del pendolo. Stabilisci una data precisa.

Inoltre, determina anche il tuo beneficio, il motivo per cui lo fai: "Userò i soldi guadagnati per pagare il mutuo".

E non dimenticare di fare azioni che possano ridurre il periodo per cui "ti affitti".

Cioè, mentre sei "in affitto" cerca ulteriori fonti di reddito, un nuovo lavoro, iscriviti a corsi di formazione, invia curriculum ad altre aziende, trova il tuo VERO obiettivo.

Eccellente Donna

Algoritmo Transurfing ads


GESTIONE DELLA REALTÀ modulo 5_2

STRUMENTI PRATICI PER LA GESTIONE DELLA REALTÀ IN TUTTE LE SITUAZIONI

1.    5 regole per rimanere sull’onda della fortuna.

2.    L’algoritmo per la gestione degli eventi locali, che richiede 3-5 minuti.

3.    Come costruire correttamente la relazione di coppia se non sei la prima moglie/marito del tuo partner.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere notizie da Eccellente Donna!

Loading